RIFIUTI A CALZOLARO: FANNO FINTA DI NON CAPIRE?

Nel resoconto dell'ultimo consiglio comunale, nel sito del Comune, si legge questa affermazione: “l'Amministrazione ha poi risposto ad un'interrogazione presentata dal Movimento 5 Stelle che chiedeva se la ditta Splendorini Molini Ecopartner potesse trattare rifiuti urbani e se ciò fosse specificato nella delibera portata in Consiglio comunale dell'ottobre 2015; a questo proposito è stato spiegato che la delibera riguardava esclusivamente gli aspetti relativi a viabilità, impatto cumulativo ed emissioni odorigene relative al procedimento di verifica di assoggettabilità a V.I.A. del progetto di estensione dell'attività di recupero di rifiuti, autorizzata dalla Provincia di Perugia, e che in ogni caso l'attività di recupero di rifiuti speciali non pericolosi prevede la possibilità di trattare rifiuti provenienti da raccolta differenziata ed indifferenziata e da impianti autorizzati per la gestione dei rifiuti.”
In realtà la nostra interrogazione, urgente, poneva due domande ben precise al Sindaco e all'assessore competente: se la ditta in questione potesse trattare rifiuti urbani e di conseguenza se la delibera, a cui fa riferimento la nota comunale, portata in Consiglio nell'ottobre 2015, avesse riportato notizie non veritiere, e quali provvedimenti intendesse intraprendere questa amministrazione alla luce delle recenti notizie relative alla tipologia di rifiuti lavorati dall’azienda. Al momento della discussione la nostra portavoce ha domandato espressamente al sindaco se fosse al corrente che nell'azienda del Calzolaro veniva conferita parte della frazione organica dei rifiuti urbani del comune di Umbertide. Perché, da quanto appreso dal M5S, la società Gesenu per l'annualità 2015 ha conferito in parte il rifiuto organico del nostro Comune proprio nell'impianto di Calzolaro, come la stessa Arpa ha confermato nella certificazione dei dati della raccolta differenziata del 2015. Il sindaco di fatto non ha risposto.
Ora dopo tutte le assemblee indette da questa amministrazione con gli abitanti del Calzolaro, e dopo gli impegni, a quanto pare inutili, che si è presa nei confronti di questi cittadini, verrebbe da chiedere agli stessi abitanti del Calzolaro se non si sentono presi in giro. Secondo noi sì.

11.12.16