IL LENTO DECLINO CULTURALE DI UMBERTIDE

Si parla tanto in questi giorni della costruzione del nuovo centro culturale islamico, della moschea che tanta gente di fede islamica dovrebbe attirare ad Umbertide. Ma perché la costruzione di questo centro culturale, che dovrebbe essere considerato un fatto abbastanza normale vista la presenza massiccia nel nostro territorio di una comunità così importante, e viste le politiche che a partire dagli anni '80 hanno favorito se non incoraggiato questo genere di immigrazione, sta generando tanti dubbi e paura?

Probabilmente tanta paura è generata dal fatto che a contrapporsi ad una così forte esigenza culturale, quella islamica, non ve ne è più una, la nostra, altrettanto decisa, certa, netta, propositiva. Le amministrazioni che si sono succedute alla guida del Comune di Umbertide da oramai una quindicina di anni ad oggi, non si sono per nulla occupate e preoccupate di proteggere ed investire sul tessuto socio-culturale del nostro paese . E' proprio a partire da quel periodo che sono stati messi in atto atteggiamenti sbagliati nei confronti della maggior parte delle iniziative culturali, che si sono riverberati alla base del tessuto politico, sociale e culturale, portandolo alla sua attuale disgregazione

C’è stato un decennio, dal 1989 al 1999, che ad Umbertide si è assistito alla nascita di iniziative culturali di elevato livello artistico, basti ricordare i vari Festival di carattere musicale come Metronome, per la musica jazz, Percussionistica, per la musica etnica, Festival di Primavera, per la musica classica, ed inoltre Festin ValTiberina per la danza e gli spettacoli di strada; si è assistito alla nascita di compagnie Teatrali che nel corso del tempo sono cresciute conquistando spazi autonomi di elevato contenuto artistico, come la compagnia Argento Vivo, che insieme a quella dell'Accademia dei Riuniti ed a Oplas Teatro, si sono adoperate per diffondere il Teatro a tutti i livelli, professionali ed amatoriali. Tutte iniziative, queste, che in sinergia si adoperavano per contribuire a costruire, rinvigorire, arricchire il tessuto sociale locale.

A questo fiorire, proliferare di iniziative, che facevano capo ad eccellenze del territorio nel campo della musica, della danza e del teatro, di contro, si è contrapposta l’incompetenza della classe politica che governava l’amministrazione comunale, affiancata da una classe dirigente non sempre all'altezza, che piano piano ha portato alla cancellazione, una ad una, di tutte queste iniziative.

Dal 2004, si è arrivati ad oggi che la cultura ad Umbertide è praticamente sparita. Si contano sulle dita alcuni sporadici eventi, in occasione di ricorrenze comandate, che faticano ad avere visibilità proprio per il loro carattere di occasionalità, e che nulla o poco lasciano al fruitore distratto. La politica di oggi, molto concentrata su se stessa, si preoccupa più narcisisticamente ad autocelebrarsi con libri, piuttosto che sostenere quelle associazioni culturali che tanto fanno e farebbero per il paese. L’unico dibattito che la anima è quello della divisione al proprio interno delle varie fazioni, preoccupate solamente a trovare le strategie migliori a garantirsi la propria rielezione, di mandato in mandato. Intanto noi cittadini assistiamo inermi ad una desertificazione del tessuto sociale. Ne sono un ultimo e recente esempio la pubblicazione dei bandi pubblici per la gestione del Centro Musicale S. Francesco e del Teatro dei Riuniti. La logica che sarebbe dovuta essere alla base della stesura dei Bandi gara, avrebbe dovuto privilegiare competenze, capacità organizzative gestionali e propositive, al fine di tenere alto il livello dell’offerta formativa e degli spettacoli ad essa correlati.

Per esempio per quanto riguarda il centro musicale S. Francesco, si è ben pensato di costruire un bando che obbligasse alla gestione dello spazio musicale inserendoci obbligatoriamente anche quella del cinema. Ora anche il più sprovveduto e distratto dei lettori, potrebbe osservare, ma che “C’azzecca”, dal punto di vista gestionale, il cinema con l’attività didattica musicale???!! Probabilmente poco o nulla, ma ad Umbertide vi è una sola Associazione con le caratteristiche richieste dal bando, ovvero il requisito sine qua non della gestione del cinema. Il tutto a danno e detrimento delle Associazioni musicali, che sarebbero invece dovute essere le prime direttamente interessate, per statuto e competenze, all’assegnazione della gestione del Centro Musicale, e che, non avendo esperienze e forse nemmeno interesse a gestire il cinema, sono state escluse a priori da tale gara.

Peggio sta accadendo per la gestione del Teatro dei Riuniti, dove dopo mesi e mesi di gestazione, l’Amministrazione comunale è riuscita a partorire un bando che, udite udite, riesce a scontentare tutti, sia la storica trentennale vecchia gestione, sia le forze nuove, rischiando che la gara di appalto vada deserta e che nessuno quindi si aggiudichi il bando, con buona pace dei cittadini di Umbertide, che per l’anno nuovo non potranno usufruire di nessuna stagione culturale e teatrale, come è invece nella normalità per ogni paese o città che si rispetti. L’Amministrazione si è impegnata per studiare un bando che le garantisca all’anno una congrua fetta, se non il totale dei ricavi derivanti dallo sbigliettamento degli spettacoli, come se la copertura economica per l’organizzazione degli stessi non si reggesse su quelle entrate. Inoltre a carico della “povera” compagnia che si aggiudicherà il bando gara, se una ve ne sarà, ricadono anche tutte le spese di gestione e delle utenze dello spazio teatrale. Insomma, una vera disgrazia per chi si farà avanti. Se poi volessimo leggere la vicenda da un altro punto di vista, si potrebbe anche sostenere che al cittadino umbertidese è stata imposta anche una nuova tassa: quella Culturale, visto che il ricavato del suo biglietto d’ingresso non andrebbe, come naturale, a sostegno dell’organizzazione dello spettacolo e alla compagnia, ma finirebbe direttamente nelle casse comunali, almeno per i primi 16.000 euro circa di incassi derivanti da sbigliettamento. Insomma un comune che si rispetti, visto che i cittadini le tasse già le pagano, dovrebbe favorire le iniziative culturali per i propri cittadini, e non adottare politiche che invece le affossino.

La cultura arricchisce, chi la fa e chi ne usufruisce, educa, sensibilizza, combatte l’ignoranza, attira flussi turistici e di conseguenza ricchezza, ammoderna la coscienza di una comunità, la sua appartenenza, unisce e rinforza, e grazie a tutto questo non si avrebbe più paura della nascita di una Moschea, perchè forti sarebbero le armi ideologiche con cui accogliere ed educare il diverso e lo straniero. Forse è questa la paura che abbiamo più di tutto, quella di aver perso definitivamente la nostra identità politica culturale e sociale, e, di questo passo, sullo scaffale dell’unica biblioteca che rimarrà, quella della Moschea, un solo libro testimonierà la nostra storia, quello autocelebrativo.

10.02.17