160.000 EURO PER ZERO INGRESSI

Nella seduta dell'ultimo Consiglio comunale è stato affrontato un punto riguardante il rinnovo della convenzione sottoscritta tra i dodici Comuni dell'Umbria aderenti alla rete Terre & Musei dell'Umbria per lo svolgimento di servizi relativi ai musei locali e il conseguente rinnovo del contratto fino al 2019 con la Coop. Sistema Museo, che ha in affidamento dal 2014 la gestione di tali servizi.

Nel caso di Umbertide la gestione interessa solamente il museo di S. Croce comportando una spesa di 1.500 euro annui per la quota di adesione al sistema museale Terre & Musei dell'Umbria e di circa 16.000 euro per i servizi forniti dalla cooperativa che coordina il museo di S. Croce, per un totale di 780 ore all'anno.

Questo argomento ci ha permesso chiedere alla nostra amministrazione se non fosse più opportuno valutare una diversa gestione delle strutture presenti sul proprio territorio, che non si limiti soltanto a S. Croce. Abbiamo nel nostro Comune tre strutture museali: la Rocca, la Galleria Rometti e S. Croce, perché dunque non pensare ad una gestione unica e pubblica dei tre complessi piuttosto che frammentare in tante repubbliche come si è sempre fatto e si continua a fare?

Troviamo S. Croce gestita da una cooperativa esterna e pur rientrando in un circuito di musei è isolata dalle restanti strutture comunali, abbiamo la Rocca, sede permanente del " Centro per l´Arte Contemporanea” ed infine la Galleria Rometti che viene gestita dall'associazione che ha in affidamento il cinema e la sala prove.

Cosa dire delle numerose opere ferme nel magazzino comunale, in attesa di non si sa cosa, anziché essere esposte, magari in maniera permanente, in una delle nostre strutture museali; pensiamo ad esempio alle opere donate al Comune dal pittore e concittadino Giovanni Ciangottini.

Manca una visione della cultura a 360 gradi, tutte le strutture presenti nel nostro territorio dovrebbero costituire un polo unico che sia pubblico e che possa creare anche un indotto alle stesse casse comunali. Cultura intesa come investimento e non come spesa. Sono stati spesi 160 mila euro per l'acquisto di lotti di ceramica da esporre presso la Galleria Rometti, ma non si è fatto e non si fa nulla per promuovere eventi all'interno della stessa, per di più facciamo gestire la struttura da un'associazione che si occupa al contempo di cinema e della sala prove di musica. Sapete quanti sono stati gli ingressi al museo Rometti per gli anni 2015 e 2016? Zero.

Allora che senso ha spendere risorse pubbliche se poi non c'è la volontà di promuovere certi investimenti e valorizzare le risorse che si hanno?

02.04.2017