L'AMMINISTRAZIONE DELLE CHIACCHIERE

L'episodio criminoso avvenuto lo scorso sabato notte impone una seria riflessione.

È possibile non essersi accorti di quanto avveniva nella nostra città e nel territorio circostante?

O forse è più corretto dire che per troppo tempo si è preferito non prendere atto di quanto accadeva?

L'immagine idilliaca della nostra città, e della nostra regione in senso più ampio, quale territorio immune da qualsiasi tipo di infiltrazione è certamente un lontano retaggio, dobbiamo certamente allontanare questa visione di pace francescana e di terra libera, la sparatoria al parco Ranieri ha dimostrato tutt'altro.

Smettiamola con le solite frasi di circostanza, siamo tutti rammaricati e profondamente scossi, ma questo non basta. Non bastano più le solite frasi da parte di chi questo Comune lo ha governato per molti anni a ricordare che occorrono controlli più frequenti e che occorre garantire sicurezza alle famiglie e ai nostri figli. Questo lo sappiamo e lo chiediamo già da tempo.

Le testimonianze di alcuni residenti definiscono “la zona della Pineta Ranieri una centrale di spaccio e delinquenza” e che più volte avevano denunciato lo stato in cui versava.

La sparatoria è stato un fatto gravissimo, il culmine di una piccola serie di eventi che nel corso di questi ultimi anni si sono susseguiti e che lasciavano intuire quanto Umbertide fosse ormai lontana dalla caratteristica di città tranquilla (la zona ex Fornace è stata protagonista di atti vandalici e occupata abusivamente, l'accoltellamento avvenuto la notte di capodanno, nel 2015 ci furono diversi arresti che evidenziavano l’esistenza di una rete di spaccio messa in piedi ad Umbertide ed in altri centri dell’Alto Tevere, senza dimenticarsi dei furti negli appartamenti). Oggi come allora si continua a parlare di incontri con Prefetto e Questore, nel frattempo? I presidi della Polizia municipale e delle forze dell'ordine che vediamo in questi giorni non debbono essere occasionali, legati all'attuale contingenza. Abbiamo un corpo di polizia locale, che venga dunque incrementata la sua presenza, si controlli sistematicamente ogni spazio di questo Comune.

Serve a poco investire in telecamere se non seguono altre azioni tangibili; servono azioni preventive concrete, non azioni pensate come deterrenti che di deterrente non hanno nulla se non la possibilità di cercare di ricostruire un fatto dopo che è già avvenuto.

Ci sia un monitoraggio costante del territorio sviluppando un’azione sinergica tra Polizia Municipale e carabinieri: controlli presso cantieri edili e verifiche relative a locazioni immobiliari, solo per citarne alcuni.

Nello svolgimento delle mansioni d’ufficio della Polizia Municipale andrebbe affiancato un impiegato comunale ad un agente così che il maggior numero possibile di agenti sia presente sul territorio, bisogna rendere inoltre più efficiente il servizio di comunicazione con la polizia municipale per segnalazioni in tempo reale.

Potenziare quindi il ruolo della nostra polizia municipale in quanto è l'organo locale di controllo chiamato a far rispettare la legalità, a salvaguardare la sicurezza della cittadinanza e del territorio, nell'attesa che arrivino rinforzi da altre parti e nell'attesa che si riesca ad ottenere una nuova caserma dei carabinieri.

Una presenza costante del nostro corpo di polizia all'interno del territorio è già un deterrente per la criminalità, perché un paese senza controllo, non monitorato, dà spazio a qualsiasi azione di illegalità.

21.04.2017