"UNO STUCCHEVOLE RIMPALLO"

Prendendo spunto dalle parole della nuova segretaria del PD umbertidese che in merito al costruendo centro islamico afferma”: avremmo preferito che ci fosse una seria assunzione di responsabilità senza fare un giochino stucchevole di rimpallo di responsabilità...”, aggiungiamo che anche noi lo avremmo preferito, tutta la cittadinanza l'avrebbe preferito. Invece assistiamo da alcuni giorni a quello “stucchevole rimpallo” tanto odioso al PD, ma che vede coinvolti proprio esponenti di spicco del partito democratico.

Un teatrino deprimente che mette in luce una classe politica incapace di governare e ancor meno di ammettere le proprie responsabilità. Si va avanti a colpi di date per provare la propria estraneità alla questione. Ci rendiamo conto dove siamo arrivati?

Il 28 gennaio 2013 l'Associazione Islamica Umbertide presentava al Comune domanda per l'acquisizione di un'ulteriore area vicino a quella già presa e l'allora Giunta l'8 febbraio 2013 accoglieva questa istanza e assegnava senza previa pubblicazione di un nuovo avviso d’asta l’area. Il tutto è stato stabilito con una delibera di Giunta, senza che vi sia stato un successivo passaggio per l’approvazione in sede di Consiglio comunale. La Giunta di allora cosa pensava ci avrebbero fatto con queste rate di terreno? Una nuova serra comunale? Magari quella che si sarebbe dovuta realizzare già da tempo? Ricordiamo che quando nel giugno dello scorso anno si svolse, dietro nostra richiesta, un consiglio comunale sul costruendo Centro culturale islamico nel quale si sarebbe dovuta affrontare in maniera chiara la questione, circa la metà dei consiglieri del partito democratico erano assenti. È questa l’importanza che il PD dà a questo argomento che tiene in ansia buona parte della comunità umbertidese?

Quello che ci chiediamo è, soprattutto, se questi interventi del PD sono solo il frutto delle loro battaglie interne o intenderanno fare anche qualcosa per tutti quegli umbertidesi che chiedono chiarezza.

16.06.2017