SINDACO LOCCHI, SU CALZOLARO BASTA CHIACCHIERE

Durante il Consiglio comunale di lunedì 24 Luglio, è stata discussa l'interrogazione urgente del Movimento 5 Stelle sui problemi inerenti la frazione di Calzolaro a seguito dello studio condotto da Arpa Umbria sugli sugli odori molesti presenti nella frazione.

Nella lettera che accompagna questo studio si legge che il comune di Umbertide ed il responsabile delle Autorizzazioni ambientali Regione Umbria avevano già ricevuto una nota di Arpa Umbria nel marzo 2016 dove si chiedeva la modifica delle prescrizioni dell'Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) rilasciata alla ditta Splendorini Molini Ecopartner.

Arpa Umbria sostiene nella sua relazione conclusiva che si evidenziano numerosi eventi di cattivo odore e tutti i campioni d’interesse indicano concentrazioni di odore alte. Lo stesso personale di Arpa e quello della Polizia Municipale di Umbertide, ha in più di un'occasione, evidenziato un disturbo olfattivo conclamato e persistente evidenziando la presenza di odori disturbanti di difficile tollerabilità, ritenendo inoltre che il conferimento, stoccaggio e lavorazione della frazione organica umida siano significativamente coinvolti in questi episodi di disturbo olfattivo.

Viene inoltre sottolineato come con l’entrata di Sogepu nella soc. Molini Splendoridi Ecopartner sarà molto probabilmente implementata la lavorazione della frazione organica umida con conseguente peggioramento della qualità della vita degli abitanti della frazione.

Abbiamo chiesto al Sindaco se avesse mai chiesto alla Regione le modifiche dell'autorizzazione, come chiedeva la nota Arpa già dal lontano marzo 2016 e se alla luce del nuovo studio chiedesse con forza la modifica di questa autorizzazione.

Ci è stato risposto che giovedì 27 Luglio si terrà presso la Regione un incontro con Arpa, Asl, il Comune di Umbertide e l'azienda Splendorini, dove verrà discusso quanto emerso dallo studio condotto da Arpa. Il Sindaco ha poi affermato che sosterrà la richiesta di Arpa relativa alla modifica dell'autorizzazione. Purtroppo non c'è stata consegnata la risposta scritta alla nostra interrogazione, come avrebbero dovuto fare (a quanto pare non era al momento disponibile, mah!), pertanto abbiamo solo una dichiarazione verbale del Sindaco.

Saranno le solite chiacchiere? Vedremo. Speriamo che tenga fede a quanto detto e non si comporti come in passato dove alle tante promesse fatte nelle settimane precedenti il rilascio dell'ultima autorizzazione è seguito un parere favorevole all'ampliamento durante la conferenza dei servizi. Noi comunque non molleremo affinché sia garantita e tutelata la salute dei cittadini di questa frazione, già fin troppo beffeggiata.

25.07.2017