DOVE SONO I SOLDI DELLA DISCARICA DI PIETRAMELINA?

Il Piano Regionale dei Rifiuti approvato nel 2009 aveva introdotto un’indennità di disagio ambientale per le comunità che vivono vicino agli impianti di trattamento dei rifiuti. Per questo motivo il comune di Umbertide riceve dal comune di Perugia un’indennità da utilizzare a Pierantonio per i pierantoniesi. Fino al 2011 il Comune di Umbertide ha utilizzato una parte di quei soldi per rimborsare la tassa dei rifiuti ai cittadini di Pierantonio, dopo niente, non sono più stati riconosciuti dei soldi dovuti per il disagio che la gestione dei rifiuti, troppo spesso discutibile, produce agli abitanti della frazione.
Il M5S ha voluto vederci chiaro ed il risultato è stato che nel biennio 2012/2013 il Comune di Umbertide ha ricevuto circa 157.105,15 euro di cui 131.548,58 nel 2012 e 25.556,57 nel 2013 . Questa differenza è dovuta al fatto che nel 2013 la discarica è stata chiusa ed il disagio ambientale viene riconosciuto per il solo compostaggio, che di fatto aumenta in maniera esponenziale il disagio producendo un’aria maleodorante.
Considerato che l’ultimo rimborso fatto ai cittadini dal comune è stato di 48.521 euro, dove sono finiti tutti gli altri soldi?
Perché il disagio ambientale subito dai pierantoniesi non viene riconosciuto attraverso il rimborso della tassa sui rifiuti?
La risposta che giunge è questa: l’ Amministrazione ha preferito utilizzare i contributi per interventi di manutenzione e miglioramento di strutture nel territorio (installazione pannelli fotovoltaici in edifici scolastici e sportivi, e manutenzione al CVA di Pierantonio); in sede di bilancio 2014 si stabilirà poi come destinare i restanti contributi. Non sarebbe stato più corretto consultare i cittadini interessati visto che certi interventi dovrebbero essere garantiti comunque dall’Amministrazione senza dover ricorrere a somme derivanti da un’indennità di disagio? A voi trarre le dovute conclusioni.

20/10/2014